sabato 4 aprile 2020

Resto al Sud...magari con la mia azienda



Oggi vogliamo parlare del programma Resto al Sud
Desideriamo riportare la scheda tecnica con i soggetti potenziali, le spese ammissibili e tutto l'iter da seguire.
Negli ultimi anni è nata la voglia di fare impresa
Prima di voler fare impresa, ci siamo chiesti perché dovremmo diventare un imprenditore? Conosciamo tutti gli strumenti che la figura dell'imprenditore deve avere? Hai le qualità giuste? Sappiamo redigere un business plan? Se rispondi no a queste domande, allora è un buon inizio in quanto non darai nulla per scontato.
Per ora riflettiamo sulla scheda tecnica che il programma di finanziamento propone. Potete lasciare un commento e risponderemo prima possibile.

Buona lettura.

dal sito www.invitalia.it 

Resto al Sud sostiene la nascita e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali e libero professionali in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e nelle aree del cratere sismico del Centro Italia (Lazio, Marche, Umbria). L’incentivo è destinato a chi ha un’età compresa tra i 18 e i 45 anni.

Cosa finanzia:

-attività produttive nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura
-fornitura di servizi alle imprese e alle persone
-turismo
-attività libero professionali (sia in forma individuale che societaria)
Sono escluse le attività agricole e il commercio.

Resto al Sud copre fino al 100% delle spese con un limite di 50.000 euro per ogni richiedente, arrivando a un massimo di 200.000 euro nel caso di società composte da quattro soci.

I fondi disponibili ammontano a 1 miliardo e 250 milioni di euro.

Non ci sono bandi, scadenze o graduatorie: le domande vengono valutate in base all’ordine cronologico di arrivo.

Spese ammissibili
Possono essere finanziate le seguenti spese:

-ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili (massimo 30% del programma di spesa)
-macchinari, impianti e attrezzature nuovi
-programmi informatici e servizi per le tecnologie, l’informazione e la telecomunicazione
-spese di gestione (materie prime, materiali di consumo, utenze, canoni di locazione, canoni di leasing, garanzie assicurative) – massimo 20% del programma di spesa
Non sono ammissibili le spese di progettazione e promozionali, le spese per le consulenze e per il personale dipendente.

Come funzionano le agevolazioni
Le agevolazioni coprono il 100% delle spese ammissibili e sono cosi composte:
35% di contributo a fondo perduto
65% di finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI. Gli interessi sono interamente a carico di Invitalia.

Limite di età
Possono presentare la domanda:
-senza limiti temporali, tutti coloro che non hanno ancora compiuto 46 anni
-fino al 31/12/2020, chiunque non aveva compiuto 46 anni alla data del 01/01/2019.
Dal 01/01/2021 il requisito deve essere invece posseduto alla data di presentazione
della domanda
-senza alcun limite di età, chiunque vuole avviare un’attività imprenditoriale in uno dei 24 comuni compresi nel cratere sismico del Centro Italia

Attività ammesse
Estensione degli incentivi alle attività libero professionali svolte in forma individuale e come
società tra professionisti (STP). Può presentare la domanda:
-chi nei 12 mesi precedenti alla presentazione della domanda non risulta titolare di partita IVA
-chi, pur titolare di partita IVA nei 12 mesi precedenti alla presentazione della domanda, non l’ha mai movimentata
-chi, pur titolare di partita IVA nei 12 mesi precedenti alla presentazione della domanda, l’ha movimentata ma per attività associata a un codice Ateco non identico fino alla 3° cifra di classificazione.
Per le società tra professionisti è ammessa la presenza di soggetti senza i requisiti per massimo 1/3
della compagine sociale.
-Estensione territoriale
Possono presentare domanda anche gli aspiranti imprenditori residenti (o che si impegnano a
trasferire la residenza) nei 116 comuni di Lazio, Marche e Umbria

L’incentivo si rivolge a:

-imprese costituite dopo il 21/06/2017
-imprese costituende (la costituzione deve avvenire entro 60 giorni - o 120 giorni in caso di residenza all’estero - dall’esito positivo dell’istruttoria)

Fermo restando quanto sopra elencato, possono inoltre chiedere i finanziamenti:
liberi professionisti ( in forma societaria o individuale ) che non risultano titolari di partita IVA nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda per lo svolgimento di un’attività analoga a quella proposta (codice Ateco non identico fino alla terza cifra di classificazione delle attività economiche)

Dal sito risulta che:
Dati aggiornati al 12 marzo 2020
n.14.817 - Domande in compilazione; 
n.12.107 - Domande presentate;
n.4.907  - Domande approvate.

Lascia un commento o riempi il modulo di contatto in fondo alla pagina e ti faremo sapere.

Hasta la próxima
M.U.

Nessun commento:

Posta un commento