mercoledì 15 aprile 2020

MIUR: 85 milioni di euro alle scuole per la didattica a distanza



Il Decreto ‘Cura Italia’ destina 85 milioni di euro alla scuola e il Ministero dell’Istruzione emana i Decreti del 26 marzo 2020 n. 186, n. 187 e la Nota del 28 marzo 2020 n. 562 con le indicazioni operative per le Istituzioni scolastiche e educative per l'emergenza epidemiologica da COVID-19.


Nel Decreto n. 187, relativo al potenziamento della didattica a distanza, il dicastero dell’istruzione dispone il riparto degli 85 milioni di euro e stabilisce che 10 milioni di questa somma siano affidati alle istituzioni scolastiche per favorire l'utilizzo di piattaforme e-learning e per dotarsi immediatamente di strumenti digitali per l'apprendimento a distanza, o comunque per potenziare quelli già in loro possesso, tenendo presente i criteri di accessibilità per le ragazze e i ragazzi con disabilità. Gli altri 70 milioni sono a disposizione degli studenti meno abbienti per i dispositivi digitali – anche in comodato d’uso gratuito - per seguire la didattica a distanza. I restanti 5 milioni serviranno a formare il personale scolastico.


E’ disposto che i 70 milioni di euro per i dispositivi digitali siano distribuiti fra le scuole tenendo conto del numero totale degli alunni dell’istituto (per il 30% del totale dell’importo), ma anche dell’indicatore Ocse Escs (per il 70% del totale dell’importo), che consente di individuare le aree dove ci sono famiglie più bisognose e dove, soprattutto, sono meno diffuse le dotazioni digitali.



Lo stesso Decreto n. 187 stabilisce anche le modalità per ripartire fra le scuole i mille assistenti tecnici informatici previsti dal Decreto "Cura Italia" che potranno dare supporto ai docenti per la didattica a distanza e aiutare gli alunni nell’utilizzo degli strumenti assegnati in comodato d’uso. Le scuole sono autorizzate ad assumere gli assistenti tecnici, per l’anno scolastico 2019/20, con contratti a tempo determinato sino al termine delle attività didattiche, ossia sino al 30 giugno 2020.

Infine, il Ministero dell’Istruzione, con il DM del 26 marzo 2020 n. 186, stabilisce i criteri di riparto delle risorse finalizzate alla pulizia straordinaria degli ambienti scolastici e assegna alle scuole 43,5 milioni di euro.

dal sito www.anpalservizi.it

Nessun commento:

Posta un commento